ga('create','UA-81679614-1','auto');ga('send','pageview');

27 agosto 2016

Panna cotta, in salsa di fichi con nocciole


Di parole in questi giorni se ne dicono tante e non sempre sono quelle più adatte. Anzi non ci sono parole che possano alleviare il dolore delle popolazioni terremotate del centro Italia. 

Quindi, per una volta, ve le risparmio e passo subito alla ricetta del dolcino del fine settimana. Senza glutine (verificando sulla confezione di gelatina che sia presente la dicitura senza glutine). Senza uova. Senza burro. Senza forno. Semplicissimo. 
Una panna cotta che si prepara in pochi minuti e una salsa di fichi altrettanto veloce. Qualche nocciola tritata a contrastare con croccantezza la consistenza morbida di base e fichi. 
Perché basta davvero poco per sentirsi felici. 




PANNA COTTA IN SALSA DI FICHI  E NOCCIOLE
per 4 porzioni
Tratta e liberamente interpretata da una ricetta su Oggi Cucino n. 09/2016

Ho utilizzato gli stampini usa e getta in alluminio della capacità di 120 ml cadauno. Li ho spennellati con un cucchiaio di cognac. È possibile utilizzare un altro liquore o anche acqua. Questa operazione fa sì che si riesca a sformare poi più facilmente la panna cotta.

Per la panna cotta
400 ml panna fresca 
4 cucchiai zucchero
1 cucchiaino estratto di vaniglia (o i semini di una bacca)
Una bustina di gelatina in polvere (8 g) - o 6 g di gelatina in fogli*.

Ho inserito la gelatina in polvere in un pentolino, vi ho versato sopra la panna e ho mescolato con una frusta a mano facendo attenzione a sciogliere bene la gelatina evitando il più possibile la formazione di grumi. 
Ho quindi unito anche l'estratto di vaniglia e lo zucchero e portato su fiamma bassa, sempre mescolando, fino a completo scioglimento dello zucchero. Non deve arrivare a bollore altrimenti il potere addensante della gelatina si perde. Quando ho ottenuto un fluido omogeneo ho tolto dal fuoco e filtrato la panna cotta attraverso un colino, versandola negli stampini. Ho fatto dapprima raffreddare a temperatura ambiente e quindi conservato in frigo, coprendo gli stampini con pellicola trasparente (minimo 6 ore).

Se utilizzate la gelatina in fogli il procedimento è leggermente diverso. Dovrete ammollare i fogli in acqua fredda per circa dieci minuti, scaldare la panna e lo zucchero fino a farlo sciogliere (non deve bollire!). Unire la vaniglia. Togliere dal fuoco e sciogliervi quindi bene la gelatina ben strizzata. Proseguire come sopra.

Per la salsa di fichi
4 fichi maturi
2 cucchiai di zucchero
2 cucchiai d'acqua

Poco prima di servire la panna cotta ho lavato i fichi e spellati. Li ho tagliati a spicchi e li ho messi in un tegame piccolo con acqua e zucchero. Ho lasciato che si formasse lo sciroppo e i fichi si ammorbidissero (circa 5 minuti). Ho spento e lasciato raffreddare.

Per la finitura
2 fichi maturi
granella di nocciole

Al momento di servire ho immerso per pochi secondi gli stampini nell'acqua bollente (il contrasto freddo/caldo favorisce il distacco) e ho rovesciato la panna cotta nel piatto da portata. Ho quindi completato con un cucchiaio di salsa di fichi, qualche fettina di frutto fresco e ho versato a pioggia la granella di nocciole. 


Che dire provateci e fatemi sapere, per me una bontà unica! 

Non ce la faccio però. Un pensiero doveroso a chi non ha più una cucina e soprattutto una casa voglio lasciarlo. Augurando loro che molto presto possano tornare alla normalità di una vita serena e iniziare a rimuovere dalle loro menti il trauma del disastro. Io da qui posso solo pregare per loro, per i loro cari che non ci sono più e continuare a fare quello che ho sempre fatto, ringraziando il cielo per il tanto che ho. Elena.