ga('create','UA-81679614-1','auto');ga('send','pageview');

14 aprile 2016

Crostata di amaretti con crema di ricotta e amarene



L'idea di questa torta mi è venuta girovagando nel web alla ricerca di una crostata un po' diversa dal solito. In quest'ultimo periodo sono in fissa con la ricotta (sarà che mi sembra "light" rispetto ad altri ingredienti, sarà che è proprio buona e delicata nei dolci!). 
Degli amaretti e delle amarene cosa vogliamo dire? Io li metterei ovunque! 
Tre delle mie quattro parole chiave le ho trovate riassunte in questa ricetta, che fino ad oggi mi era sfuggita. Ovviamente ci ho messo del mio: ho utilizzato la ricetta di frolla che uso di solito; invece della confettura di amarene ho preparato una semplice crema di ricotta; gli amaretti, invece di bagnarli nel liquore, ho pensato di tuffarli brevemente in poco sciroppo delle amarene; amarene che ho anche aggiunto qua e là nel riempimento.
Il risultato? Una torta molto sfiziosa, caratterizzata dalle consistenze contrastanti degli elementi che la compongono. Appunto la crostata che mancava su queste pagine. Quindi, detto fatto... Eccola qua!


INGREDIENTI
(Per una crostata da 24 cm circa)

Per la frolla
300 g di farina 00
180 g di burro a temperatura ambiente
120 g di zucchero semolato 
Scorza grattugiata di un limone 
50 g di tuorlo d'uovo
1 pizzico di sale

Per il ripieno 
Crema di ricotta:
250 g di ricotta
55 g di panna fresca 
40 g di zucchero semolato
15 g di miele

100 g circa di amaretti secchi
Poco sciroppo delle amarene (ne avrò utilizzato circa mezzo bicchiere)
Una decina di amarene sciroppate
poco zucchero a velo per spolverare


PREPARAZIONE 
Prima di tutto prepariamo la frolla.
Ricordiamoci di tirare per tempo il burro fuori dal frigo (un'oretta circa) perché dobbiamo utilizzarlo morbido. In caso ci fossimo dimenticati possiamo sempre scaldarlo pochi secondi al microonde, ma attenzione, non deve sciogliersi!
In una ciotola capiente o sul piano di lavoro (o con una planetaria o anche in un mixer!) lavoriamo farina e burro fino ad ottenere delle briciole (io faccio a mano, lavorando con le punte delle dita). Quindi uniamo lo zucchero, la scorza di limone, il sale ed infine i tuorli, sempre impastando fino ad ottenere un panetto omogeneo. Avvolgiamo in pellicola trasparente e riponiamo in frigo per almeno un'ora. Se vogliamo velocizzare i tempi possiamo riporre in freezer per un quarto d'ora circa.

Nel frattempo prepariamo la crema di ricotta, unendo in una ciotola la ricotta ben scolata dal suo siero, la panna e lo zucchero. Amalgamiamo bene e mettiamo da parte in frigo.
Sempre nell'attesa che la frolla si indurisca raffreddando, iniziamo a inzuppare, in poco sciroppo, gli amaretti. 

Riprendiamo la pasta frolla e stendiamone 2/3 sul piano leggermente infarinato a formare un cerchio leggermente più grande del diametro della nostra teglia e dello spessore di circa 4 mm.
Avvolgiamo nel mattarello e posiamo sulla teglia delicatamente. Rivestiamone la superficie in modo uniforme e ritagliamo gli eventuali eccessi. Bucherelliamo il fondo con i rebbi di una forchetta.
Distribuiamo la crema di ricotta in uno strato uniforme e posiamo su di essa gli amaretti cercando di non lasciare troppi spazi vuoti. In quei pochi che rimarranno inseriamo le amarene.


Stendiamo ora la pasta rimanente in uno strato più sottile, 2-3 mm, copriamo con essa il ripieno e sigilliamo i bordi ripiegando il primo strato sopra quest'ultimo. Possiamo sigillare ulteriormente con i rebbi di una forchetta. Con la pasta avanzata ricaviamo un decoro.

Cuociamo in forno preriscaldato a 180º per circa 35-40 minuti. Verificate col vostro forno. A me dopo mezz'ora la superficie era bella colorita, così ho coperto con carta stagnola e ho proseguito la cottura per altri 7 minuti.

Lasciamo raffreddare prima di sformare. Cospargiamo appena di zucchero a velo prima di servire.