ga('create','UA-81679614-1','auto');ga('send','pageview');

13 marzo 2016

Lemon curd


Se, come me, fino ad ora ne avevate solo sentito parlare o magari l'avete mangiata da qualche parte ma avete pensato che sarebbe stata troppo difficile da fare, rompete gli indugi e andate ai fornelli. Non c'è nulla di difficile nel prepararla ed in compenso avrete una crema che potrete utilizzare in mille modi o anche solo mettere sul tavolo della colazione da accompagnare con una fetta di pane appena tostato. Una bontà. 

Troverete mille ricette in rete e la maggior parte anche più veloci di questa che vi scrivo io. 
Questa, de Fable de Sucre, mi ha ispirato da subito, me l'ero anche ricopiata sul mio quaderno degli appunti di cucina. Così quando è arrivata l'ispirazione giusta non mi sono fatta tante domande e ho usato proprio la loro versione. 
Mi sono trovata molto bene. La crema mi è riuscita al primo colpo. Niente grumi, liscia e vellutata, come deve essere, zuccherata il giusto (per me ovvio!), e acidula quanto basta a portare degnamente il nome di Lemon curd!
Mi riservo comunque di provare altre versioni, nel frattempo vi lascio questa così come l'ho imparata da loro e presto vi lascerò qualche ricetta che ne prevede l'utilizzo. Molto presto. ;)


INGREDIENTI
(Per circa 500 g di crema)

Scorza grattugiata di un limone non trattato (solo il giallo)
100 ml di succo di limone (circa due bei limoni)
150 g di zucchero
3 uova
125 g di burro


- Sbattete le uova con una frusta a mano;
- Inserite la scorza grattugiata del limone in un pentolino a bagno maria con il succo dei limoni e lo zucchero. Mescolate bene e lasciate sul fuoco fino a quando non si sfiora il bollore, sempre mescolando con una frusta a mano.
- Appena questo avviene, versate a filo il succo zuccherato caldo sulle uova mescolando velocemente con la frusta fino a quando il tutto non si sarà ben amalgamato (per evitare di cuocerle).
- Riportare quindi la ciotola a bagno maria e continuare a mescolare fin quando la crema non vela il dorso del cucchiaio (la nappatura). 
Se possedete un termometro da cucina, questo dovrà segnare 82 gradi.
- Quindi togliete dal fuoco e portate a 50 gradi. Per velocizzare questo passaggio potete prepararvi per tempo un contenitore con due dita di acqua e cubetti di ghiaccio, in modo da inserire la ciotola con la crema appena tolta dal bagno maria e mescolando far abbassare velocemente la temperatura.(Non avendo il termometro, mi sono regolata assaggiando: la crema deve essere ancora calda, ma non bollente - metodo molto empirico e poco scientifico ma ha funzionato!).
- A questo punto aggiungete il burro che avrete prima tagliato a cubetti, un po' per volta, continuando a girare con la frusta fino a quando non si sarà ben sciolto e amalgamato al resto.
- Utilizzate un frullatore a immersione poi per rendere la crema perfettamente liscia e omogenea.
- Lasciar raffreddare completamente con pellicola a contatto prima utilizzare o conservare in frigo.


NOTE
- In frigo acquisterà più consistenza. Basterà mescolarla per pochi secondi per ridarle morbidezza. 
- Utilizzate nel giro di 2/3 giorni.