ga('create','UA-81679614-1','auto');ga('send','pageview');

2 novembre 2015

Torta quattro quarti alle mele (ricetta di Santin)


Questa ricetta l'ho vista la prima volta sul blog di Monica di "Un biscotto al giorno" circa un anno fa.

L'ho quasi subito provata perché mi ispirava molto, come tutte le torte di mele in realtà e come tutti i dolci che escono dal forno di Monica.
Questa ricetta aveva in più l'incentivo che proveniva dal famoso pasticcere Maurizio Santin.

La torta quattro quarti non mi era del tutto nuova in verità. E mi era tornata utile più di una volta. Infatti è l'unica torta che posso fare anche senza sbirciare i miei appunti in quanto le dosi si basano sul peso delle uova. A seconda di quante uova ho a disposizione doso gli altri ingredienti base.
La formuletta è semplicissima:
peso uova= peso farina= peso burro= peso zucchero
Tutto qui. Non è fantastica? Basta pesare le uova e in egual misura gli altri ingredienti, aggiungere gli aromi e gli eventuali ingredienti aggiuntivi (ad es. gocce di cioccolato, uvetta, canditi, nocciole, ecc.) ed il gioco è fatto!

Con le mele non l'avevo però ancora provata.
Come avrete intuito non mi ci è quindi voluto molto a convincermi a preparare questa illustre quanto semplice quattro quarti con le mele.

Il risultato è una torta di mele buonissima, non molto alta vista la bassa percentuale di lievito.
Umida e burrosa. Una vera delizia.


INGREDIENTI (Teglia da 24 cm diametro)
3 uova (se grandi peseranno circa 180 g)
Zucchero 180 g (io 150 + 2 cucchiai di zucchero di canna)
Farina 180 g
Burro 180 g
Lievito per dolci 1 cucchiaino
Cannella 1 cucchiaino

3 mele

Si fonde il burro a bagno maria o al microonde. Si fa raffreddare.
Nel frattempo si montano molto bene le uova con lo zucchero semolato fino a farle diventare chiare e spumose.
A questo punto si aggiunge la farina, il lievito e la cannella setacciati e si mescola il tutto con una spatola a mano in modo da non smontare il composto.
Infine si unisce il burro fuso ormai freddo e si amalgama bene all'impasto.

La ricetta del Maestro Santin a questo punto vorrebbe che le mele una volta sbucciate venissero tagliate a cubetti e inglobate delicatamente all'impasto.
Io questa volta le ho invece affettate. Ho poi rovesciato metà composto nella teglia coperta con carta forno, disposto un primo strato di fettine di mela. Versato la parte rimanente di impasto e infine posato le mele rimanenti a formare la tipica decorazione a raggiera. Ho poi spolverato con  due cucchiai di zucchero di canna e un pizzico di cannella in polvere.
Infornato quindi in forno caldo a 170 gradi per 30-35 minuti.
Voi verificate con la prova stuzzicadenti perché, come ben sapete, ogni forno è diverso.


La torta avvolta nella pellicola o chiusa sotto una campana di vetro (o nel porta-torte ben chiuso) si conserva tranquillamente 2-3 giorni. Anzi a noi sembra migliorare sempre più!
Ehmm... diciamo che comunque di più non è mai sopravvissuta!!  😊