ga('create','UA-81679614-1','auto');ga('send','pageview');

11 ottobre 2016

Babka cioccolato e nocciole

Un altro piacevolissimo appuntamento col gruppo Re-cake. Dopo le tartellette salate del mese scorso, ad ottobre torniamo ai miei amati dolci, con questa proposta tratta dal blog italiano della conosciutissima Sigrid de Il cavoletto di Bruxelles. Il dolce, un lievitato "intrecciato", ha origini ebraiche e si è diffuso, in diverse versioni, in tutto l'est Europa e da lì nel mondo: il (o la) Babka. Qui nella veste cioccolatosa che non poteva non ingolosire noi re-cakers! 

E quindi ecco qui la mia versione. Versione anche un pò piemontese, con le nostre nocciole invece delle noci pecan della ricetta originale e con un mix di farina tipo 1 e farina integrale (macinate entrambe a pietra in un mulino locale) invece della comune 00. 
Ho optato per una finitura realizzata semplicemente con miele d'acacia sciolto in pochi cucchiai di succo d'arancia appena spremuto. 

A noi è piaciuto moltissimo! La lunga lievitazione in frigo per me è stata una novità e devo dire che d'ora in avanti cercherò di organizzarmi sempre in questo modo perché il lievito (ho utilizzato 3 g di lievito di birra disidratato) non si sentiva minimamente e l'impasto è cresciuto meravigliosamente! La consistenza a noi ha ricordato quella di un panettone, morbida ma compatta, e mi ha già fatto accendere qualche lampadina per le prossime feste natalizie... ;P

Questa la locandina del mese di ottobre di Re-cake.

http://re-cake.blogspot.it/

Ed ecco la mia versione, dimezzata e con le piccole modifiche che vi ho accennato sopra.


INGREDIENTI
(Dose per uno stampo da plumcake di circa 22x8cm - il mio 25x11 cm))

per l’impasto
200 g farina 1
65 g farina integrale
75 g burro 
50 g zucchero
80 g di uova (circa 1 uovo e mezzo) 
3 g lievito di birra secco disidratato
Scorza di 1/2 limone grattugiata
60 ml di acqua tiepida

per il ripieno
65 g cioccolato fondente 
60 g burro
50 g nocciole 
25 g zucchero a velo
15 g cacao amaro
1 cucchiaio di zucchero
  
per finire 
20 g miele
4 cucchiai di succo d'arancia appena spremuto
















































PREPARAZIONE

L'impasto
Versare la farina, lo zucchero, il lievito (sciolto precedentemente in metà dell’acqua prevista - se utilizzate il lievito secco non è necessario) e la buccia grattugiata del limone in una terrina.
Aggiungere le uova (sbattere leggermente due uova a parte e pesare poi la dose indicata), il burro a temperatura ambiente e l’acqua al centro, iniziare a impastare una decina di minuti. L’impasto finale dev’essere elastico e piuttosto colloso.
Coprire con della pellicola e lasciar lievitare per 1 ora e 30 minuti  a temperatura ambiente, e poi minimo 2 ore nel frigorifero (io tutta la notte).
Ecco il mio impasto dopo la notte di riposo in frigo.



Quando l'impasto è correttamente lievitato e prima di stenderlo preparare il ripieno : far sciogliere il burro con il cioccolato a bagnomaria, aggiungere lo zucchero a velo e il cacao, mescolare bene il tutto e tenere al fresco per 10 minuti. A parte, tritare grossolanamente le nocciole.

La treccia
Riprendere l’impasto e stenderlo in un rettangolo di circa 30x40cm. 
Spalmarlo con la crema di cioccolato, cospargere con il cucchiaio di zucchero e le nocciole.



Arrotolare sul lato più lungo, poi tagliare il rotolo per metà nella lunghezza infine intrecciare le due metà.


Disporre la treccia ottenuta nella teglia da plumcake (foderata con della carta forno) e lasciare lievitare a temperatura ambiente per 1h.


Infornare a 190°C, per 30-40 minuti, o fino a quando uno stecchino uscirà asciutto (nel mio forno dopo 10 minuti stava già scurendo troppo in superficie, quindi ho coperto con un foglio di alluminio e ho proseguito la cottura altri 20 minuti). Servire a fette appena tiepida o conservare ben avvolta da pellicola alimentare.