ga('create','UA-81679614-1','auto');ga('send','pageview');

21 ottobre 2015

Bocconcini di verdure... stregati!


Come titolo avrei potuto scrivere "bocconcini di zucchine dell'Araba".
La ricetta da cui ho tratto questa torta salata infatti e' di Stefania, alias Araba felice in cucina ed è a base di zucchine, i famosi "Zucchini bites".

Con le zucchine, sappiatelo, viene fuori una meraviglia.
Peccato però che oggi qui di zucchine nemmeno l'ombra.

Ma vi spiego prima perché "stregati".
Le innumerevoli volte che l'ho riproposta (con l'ingrediente base, le zucchine appunto) è sempre stato un successo.
E pure ho provato, ah se ho provato, a sciogliere l'incantesimo.
Ho cambiato dimensioni della teglia, ridimensionato gli ingredienti, utilizzato più carote che zucchine, tritato al mixer invece che grattuggiato, usato erba cipollina invece della cipolla.
Niente.
Non c'è stato verso: sempre buona.
Sarà magica pure questa?  E non mi stupirebbe vista la quantità di ricette prodigiose all'attivo di Stefania.

Stavolta la frego.
Non metto le zucchine.
Tie'.
L'ingrediente principale? La carota.
Poi ci vorrebbe una verdura più "amara" per compensare la dolcezza delle carote. Mezza verza mi fa l'occhiolino dal ripiano delle verdure. Aggiudicato.
Se riesce anche così allora e' stregata davvero.

Che profumino delizioso esce dal forno.
Sforno.
Taglio i bocconcini.
Assaggio.
Abracadabra.
La magia è riuscita di nuovo!


Visto che di Araba felice ce n'è una sola, io vi lascio la mia ultima versione senza zucchine.
La base è la stessa.
Cambiano le verdure e le dimensioni della teglia.
Di conseguenza le dosi - ma in proporzione.
La "formula" base: uova+olio+farina+lievito+formaggio - non si cambia! Se non appunto in relazione alla teglia che non ho trovato delle dimensioni indicate.

Versione di Stefania o mia che sia, ve la consiglio vivamente. In ogni caso otterrete una torta di verdure morbida morbida e saporita, da personalizzare col formaggio che più vi piace e da servire in simpatici bocconcini come aperitivo, antipasto, contorno,  da portare in ufficio o mettere in mostra ad un buffet.


INGREDIENTI
(dosi adattate da me per una teglia quadrata 20x20 cm)

3 uova intere grandi
90 g di farina 00
90 g di olio di semi
mezzo cucchiaino di lievito per torte salate
90 g di formaggio grattugiato (parmigiano o quello che preferite - io questa volta 60 g di Grana Padano e 30 g di pecorino)
poca cipolla (io spesso uno scalogno piccolino - qui erba cipollina q.b.)
3 carote piuttosto grosse (o due zucchine grandi)
mezza verza piccolina (o una carotina)
sale, pepe

Tritate in un mixer le verdure. Stefania dice di grattuggiare, se usate zucchine e carote in effetti è più carino il risultato finale ma anche così il gusto non ne risente. Garantito.
Se mettete la cipolla tritate finemente anch'essa.
Setacciate farina e lievito.
In una ciotola mettete le uova, l'olio, unite la farina e il lievito mescolando con una frusta a mano e amalgamando bene tutti gli ingredienti.
A questo punto aggiungete al composto le verdure tritate (eventualmente l'erba cipollina) e  il formaggio che avrete scelto. Mescolate e assaggiate. Aggiustate di sale e pepe.
Versate nella teglia coperta con carta forno e cuocete in forno preriscaldato a 180 gradi per circa 40-45 minuti, finché non sarà ben colorito in superficie (vale la prova stecchino: se rimane leggermente umido, ma pulito, è il momento di spegnere il forno)
Fate raffreddare nella teglia. Quindi tagliate a bocconcini quadrati (a me ne vengono 16).


NOTE:
- la torta si conserva in frigo ben coperta da alluminio, meglio se ancora intera.
- Il giorno dopo sarà ancora più buona. Ricordatevi di tirarla fuori dal frigo quanto basta per servire i bocconcini a temperatura ambiente.

Hallowen si avvicina chi vuole provare questa magia?

A presto Elena.