ga('create','UA-81679614-1','auto');ga('send','pageview');

10 febbraio 2016

Tarte tatin di banane e amaretti

 Chissà perché le banane a casa mia passano sempre così inosservate lì nello scomparto della frutta.
E soprattutto chissà perché il mio compagno continua a comperarle imperterrito.

Dopo aver provato la classica Tarte tatin di mele ed essermela rovesciata ovunque tranne che nel piatto dove avrebbe dovuto andare (con tanto di ustione ad una gamba a ricordarmelo ancora ora) ho sfidato tutte le macumbe che in questi giorni mi stanno colpendo e ho deciso di riprovarci.
E questa volta quelle banane abbandonate sarebbero state utilizzate per una buona causa. Almeno me lo auguravo.
Come spesso accade dopo una sconfitta la soglia di attenzione, la caparbietà, l'orgoglio (chiamatelo come volete) aiuta a far andare le cose nel verso giusto. È così è stato.


Come avrete capito dall'esito del mio primo "rovesciamento" non ho lo stampo apposito da Tarte tatin ma questa volta mi sono ingegnata utilizzando uno stampo normalissimo, dal bordo piuttosto basso e aiutandomi per rovesciarla con uno stampo che lo contenesse, quindi di poco più grande, che è quello che vedete immortalato nelle foto (perché poi ovviamente da lì non l'ho più spostata).

La Tarte tatin è composta tradizionalmente da uno o due strati di mele caramellate che vengono ricoperte da uno strato di pasta brise'. Viene cotta "sottosopra" per poi essere rovesciata una volta uscita dal forno. In questa mia versione le mele sono state sostituite come dicevo dalle banane e da amaretti sbriciolati (che secondo me bilanciano bene la dolcezza di questo frutto).

Per la pasta io utilizzo quella che vi avevo già descritto per la Apple Pie, utilizzandone metà dose. 
Sono letteralmente innamorata di quest'impasto e non appena riesco lo utilizzo per tutti i dolci che secondo me acquistano parecchio così. Se invece non vi fidate di me potete utilizzare la vostra ricetta preferita di brise' o una brise' confezionata. Ma in quest'ultimo caso, vi avviso, la torta ci perderà!

Per la ricetta mi sono ispirata ad una ricetta di Jamie Oliver trovata in rete e da me liberamente interpretata.

INGREDIENTI  (per una teglia da 23 cm di diametro)
Per la pasta: (dose già dimezzata che vi servirà solo per questa preparazione)
120 g di farina 00
75 g di burro freddo
1/4 ,di cucchiaino di sale
Qualche cucchiaio di acqua gelida (mettete una bottiglietta in freezer 10 minuti prima di iniziare)

Per il caramello:
100 g di zucchero
50 g di burro
Un pizzico di semi di anice essiccato

Per il riempimento:
5-6 banane mature
60 g di amaretti secchi sbriciolati

PREPARAZIONE

Prima di tutto preparate la pasta.
In una ciotola mescolate farina e sale e inserite il burro tagliato a cubetti di circa un centimetro di lato. Poi aiutandovi con due coltelli tagliuzzate il burro intriso di farina fino a ridurlo in piccole palline di circa mezzo centimetro. Potete fare lo stesso lavoro con le dita, proprio come per la frolla, state attenti però a non scaldare troppo il burro se no si perde l'effetto "sfogliato" che è il bello di quest'impasto.
Aggiungete un cucchiaio di acqua gelida alla volta, mescolando con un cucchiaio fino a quando il composto non si è compattato e fin quando, prendendolo tra le mani, non riuscite a farne una palla. Non lavoratelo oltre, devono vedersi ancora i pezzetti di burro inglobati nell'impasto! Avvolgete il panetto nella pellicola e riponete in frigo per un'ora minimo.
- Tagliate ora le banane a tocchetti di circa 1 cm - 1 cm e mezzo. Tenete da parte.
- Preparate il caramello.
Mettete lo zucchero in un pentolino dal fondo spesso e accendete il fuoco senza mai toccarlo. Quando lo zucchero si è sciolto e quindi si è formato il caramello togliete il tegame dal fuoco e unite il burro, mescolando fino a completo scioglimento.
Versate subito nella teglia scelta per la cottura e posizionare i pezzetti di banana "in piedi".
Fate raffreddare. Intanto accendete il forno a 200 gradi.
- Cospargete di amaretti sbriciolati le banane.
Stendete ora la pasta con il mattarello fino ad ottenere un cerchio di un paio di cm più largo della teglia con le banane. Potete aiutarvi con un'altra teglia di riferimento e rifilare gli eccessi.
Posate quindi il cerchio di pasta sopra le banane cercando di infilare i bordi del cerchio al di sotto dello strato di banane. 
- Fate due taglietti nella pasta e infornate per 10 minuti. Abbassate quindi a 180 gradi e proseguite per altri 10-15 minuti o comunque fino a doratura della pasta.
Sfornate e lasciate intiepidire 5 minuti.
Sformate rovesciando la torta su un piatto da portata o come ho fatto io in una teglia più grande per facilitare il rovesciamento. 
Servire ancora tiepida o a temperatura ambiente.