ga('create','UA-81679614-1','auto');ga('send','pageview');

20 dicembre 2016

Torta di rose con mele e cannella

Confesso che speravo la mia torta somigliasse di più ad un bouquet di rose che a un bosco di pini innevato ma visto che ormai lo spirito natalizio domina su tutto, cercando di vederla da questo punto di vista, sono soddisfatta via! Questa torta in realtà è andata a festeggiare un settantesimo compleanno (notare che le "rose" sono 7!) e quel che ne ho assaggiato io è consistito in una monoporzione, ovvero la rosellina che non entrava nella teglia (e poi sarebbe stata l'ottava non si poteva ehh!) e che ovviamente pareva proprio una bella rosa! Sistemata in un piccolo stampo di silicone ha mantenuto perfettamente la sua forma ed il gusto era ottimo! Chi ha assaggiato la torta grande me ne ha confermato la bontà e quindi eccomi qui a lasciarvi la ricetta!

Ricetta di base super affidabile. Quella delle sorelle Simili. Le mie variazioni hanno riguardato il ripieno che ho voluto un poco più ricco. Al posto infatti del solo burro e zucchero (io di canna) ho aggiunto anche un velo di confettura di pesca, tante fettine di mele che sono andata ad arrotolare nei "petali" delle mie rose e la cannella che per me ci sta troppo bene! Questo ha comportato una lieve modifica del procedimento tradizionale (che io ho trovato da Marble) Ma vi spiego tutto per bene.



INGREDIENTI
(Per una torta da 24/26 cm di diametro)

500 gr farina bianca (io mix di due farine: 230 g di farina 00 e 270g di farina 0)
1 busta di lievito di birra secco o un panetto di lievito di birra fresco (io metà e ho prolungato la lievitazione)
100 gr zucchero
1 bacca di vaniglia o un cucchiaino di estratto (o una bustina di vanillina in extremis)
1 cucchiaino raso di sale 
scorza grattugiata di un limone 

2 uova 

80 gr burro 
125-150 ml latte tiepido 


per la farcitura:
100 g di burro (io fuso)
100 g di zucchero (io 120 g di canna grezzo)
70 g di confettura di pesca (mia aggiunta)
2 mele (mia aggiunta)
Spolverata di cannella in polvere (mia aggiunta)

PROCEDIMENTO

Nella ciotola della planetaria (o di un robot da cucina o in una ciotola) amalgamare il lievito secco alla farina, aggiungere lo zucchero, il sale e la vaniglia, quindi le uova, una per volta facendole assorbire, la scorza di limone ed infine il burro fuso continuando a mescolare. Unire il latte tiepido a filo (se si usa il lievito fresco, scioglierlo in un po' di latte tiepido e unirlo a questo punto). Lavorare bene fino a quando non si ottiene un impasto sodo ed elastico.
Trasferire quindi il composto in un luogo tiepido e lasciar lievitare fino al raddoppio (nel mio caso circa 3 ore nel forno spento con lucina accesa).

Nel frattempo lavare le mele e affettarle molto sottili (se volete sbucciatele, io non l'ho fatto) inserendole man mano in una ciotola e irrorandole con qualche goccia di limone per non farle annerire. Coprire la ciotola con le mele con un piatto e tenere da parte.
Foderate la base di una teglia a cerniera da 24/26 cm con carta forno e imburrate il bordo.
Poco prima di riprendere in mano l'impasto lievitato far fondere il burro a bagnomaria o nel microonde*.


A fine lievitazione stendere la pasta brioche in un grande rettangolo (foto 1) di circa 35x50 cm , piuttosto sottile. Spennellare abbondantemente con il burro fuso, spolverare con lo zucchero di canna e la cannella e quindi tagliare delle strisce strette e lunghe (circa 8 - foto 2).
Su ogni striscia posizionare delle fettine di mele leggermente sovrapposte (foto 3). Arrotolare ogni striscia (foto 4) e man mano sistemare nella teglia di cottura (foto 5). 
Coprire con pellicola alimentare e riporre di nuovo a lievitare fin quando le rose non si uniscono (circa 30 minuti).

Infornare a 200º (io ho preferito leggermente meno, 185º, perché il mio forno tende a bruciacchiare) per circa 30 minuti* o comunque fino a quando tutt'e le rose saranno ben dorate. Coprire con alluminio dopo i primi 15-20 min se vedete colorire troppo.
Sfornare e lasciar intiepidire prima di aprire il cerchio. Sformare completamente e lasciare raffreddare prima di cospargere con zucchero a velo. 
Questa torta non si taglia, ognuno stacca la sua rosa. O il suo pino, dipende... 😂
Se ben conservata in luogo fresco e asciutto si conserva bene anche fino al giorno dopo.

NOTE
* La ricetta delle Simili suggerisce di preparare il ripieno montando burro e zucchero a crema. Io avendo aggiunto anche le mele e la confettura e volendo utilizzare lo zucchero di canna in questa fase ho preferito solo fondere il burro.
* Nel mio forno c'è voluta quasi un'ora prima che la rosa centrale si cuocesse. Vi indico un tempo minimo oltre il quale regolatevi a vista. Potete farvi aiutare da uno spiedino considerando che comunque, da una torta con un ripieno così umido, non uscirà mai completamente asciutto.