ga('create','UA-81679614-1','auto');ga('send','pageview');

14 febbraio 2015

Cake di mele con farina di riso d'avena e nocciole


Ebbene si! Il gruppo Re-cake continua a stupirci... per fortuna!!! Una formazione in parte nuova, ma stessi principi, con qualche novità!.

Ogni mese le admin:
Carla:  http://tiramiblu.blogspot.it/?m=1
Claudia: http://lapagnottainnamorata.it/
Giulia: https://peppersmatter.wordpress.com/
Ileana: http://www.cucinapergioco.com/
Sara:  http://www.dolcizie.com/
Silvia: http://www.acquaefarina-sississima.com/
propongono un dolce o una torta salata (novità, quest'ultima, dell'edizione 2.0), dopo averne provato e testato per noi la ricetta. Chi lo desidera sperimenta e sceglie se apportare modifiche alla locandina del mese seguendo le indicazioni che di volta in volta saranno fornite.
Non è necessario avere un blog per partecipare. Ci si diverte tanto, si imparano nuovi trucchi e ricette, si conoscono persone speciali accomunate da un'unica grande e dolcissima passione!!
Se si vince si vince un pò di gloria... ma lo spirito di condivisione e crescita è ciò che conta qui!

Ma arrivo finalmente alla Re-cake del mese: la fase 2.0 di febbraio prevede di sperimentare un dolce classicissimo,  la torta di mele, rivisitata in una veste  del tutto nuova, almeno per me!


L'utilizzo delle farine "alternative" (di riso e di avena e di nocciole), associato con la mela e le spezie, in un dosaggio perfetto ed equilibrato di tutti gli ingredienti, la rendono una torta rustica e veramente buonissima!!
Da quando è stata proposta, a inizio mese, qui da me siamo già a quota 2 sfornate e sicuramente non sarà l'ultima!



Questa la locandina che ho preso dal blog di Silvia.
La ricetta originale si trova qui
 http://www.cannellevanille.com/gluten-free/apple-hazelnut-oat-cake/ 
Vi riporto di seguito ingredienti e preparazione con le mie piccolissime modifiche e qualche annotazione utile.

INGREDIENTI:
105 g di Farina di Riso setacciata
50 g di Farina di nocciole 
60 g di Farina d'avena 
2 Cucchiai di crusca di avena, più altri 2 per la Copertura 
1 Cucchiaio di Cremor Tartaro
1/2 cucchiaino di bicarbonato
1/2 cucchiaino di Cannella Macinata
1/4 cucchiaino Zenzero Macinato
1/2 cucchiaino di sale
3 uova medie
150 g di Zucchero di Canna Integrale
125 ml di Latticello (io fatto in casa)
125 ml di Olio d'oliva (io di semi d'arachide)
1 Cucchiaio di Estratto di vaniglia o i Semi di 1 Bacca (io un cucchiaino di estratto di vaniglia in polvere biologico)
3 mele medie sbucciate, senza torsolo, tagliate a fette sottili (io due grosse mele renette)
50 g di nocciole tritate per la copertura.

Il latticello l'ho ricavato mescolando eguale quantità di latte scremato e yogurt magro, lasciato riposare una ventina di minuti e prelevati i 125 g che servono per la ricetta.


PREPARAZIONE: 
Preparato il latticello (se non riuscite a trovarlo sotto il nome di "latte fermentato" o se comunque avete piacere di farlo in casa) e lasciato a riposo, si mescolano in una ciotola gli ingredienti secchi: farina di riso, farina di nocciole, d'avena, crusca, cremor tartaro, bicarbonato, cannella, zenzero e sale.
In un'altra ciotola si mescolano insieme uova, zucchero di canna, latticello, olio ed estratto di vaniglia.
Si versano gli ingredienti liquidi sopra quelli secchi e si mescola fino ad ottenere un composto omogeneo.

Si prepara una teglia imburrandola e rivestendola di carta forno. Io ho utilizzato una forma da plumcake 25x10 cm.
Si versa l'impasto nella teglia (sarà piuttosto liquido).

Io ho tagliato a dadini una delle due mele, inserendola nell'impasto. Dall'altra mela ho ricavato fettine sottili che ho appoggiato appena in superficie. Non c'è una regola, la disposizione delle mele è la parte più creativa della preparazione di questo cake.
A questo punto si cosparge con i due cucchiai di crusca di avena e le nocciole tritate e si inforna a 180° per circa un'ora (nel mio forno ci sono voluti 55 minuti). Alla prova dello stuzzicadenti questo deve uscire asciutto e pulito (considerando che se infilzate una fettina di mela probabilmente molto asciutto non sarà!  ;) )

Lasciare raffreddare il cake nello stampo prima di sformarlo.


NOTE:
1- Se non avete il cremor tartaro potete utilizzare una bustina di lievito per dolci omettendo anche il bicarbonato.
2- Se temete che le mele sprofondino in cottura, come è capitato a me la prima volta, potete seguire qualche piccolo accorgimento:
- utilizzate uova medio-piccole per evitare che il composto sia troppo liquido.
- tagliate le mele con una mandolina a fettine molto sottili;
- Infornate (senza le fettine di mela) per 15 minuti, estraete, posizionate le mele e continuate la cottura.

Se nonostante questo le mele spariscono dalla superficie non temete: il dolce sarà super-buono lo stesso! Garantito! ;)


Buona Re-cake a chi vorrà provare!
A presto, Elena.